Home / Pannelli solari / Come funzionano i pannelli solari a circolazione naturale
Come funzionano i  pannelli solari a circolazione naturale

Come funzionano i pannelli solari a circolazione naturale

Gli impianti  di questo tipo sono costituiti da uno o più pannelli solari grandi circa 1 mt x 2 mt , un bollitore che generalmente è posto sopra il pannello, un circuito idraulico che collega bollitore e pannello, un sistema di ancoraggio al pavimento e un vaso d’espansione (optional). Si tratta di un tipo di impianto che ha come fluido una miscela in percentuale di acqua e glicole propilenico, il comunissimo “Paraflù”; la miscela si riscalda e sale nel serbatoio di accumulo dove l’acqua sanitaria viene letteralmente riscaldata con il famoso metodo ” a bagnomaria”; da qui poi potrà essere distribuita alle utenze domestiche, come  sanitari e  riscaldamento degli ambienti. L’impianto a circolazione naturale è un impianto semplice, ma con una percentuale abbastanza alta di dispersione termica. Bisogna anche tener presente che se non viene utilizzata l’acqua calda sanitaria, la miscela non può  più scambiare calore con l’acqua e di conseguenza c’è un innalzamento della pressione all’interno del circuito del pannello, che essendo provvisto di una valvola  di sicurezza, rilascerà il liquido in eccesso. E’ per questo motivo, che se si pensa di non dover utilizzare l’acqua proveniente dal pannello è consigliabile coprirlo con un apposito telo.

About Lanfranco Barbini

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

La tua email non verrà resa pubblica. I campi obbligatori sono indicati *

*

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su