Home / Interior design / Spacer la vasca che scompare
Spacer la vasca che scompare

Spacer la vasca che scompare

Avevo inserito un po’ di giorni fa la foto di questa vasca, e devo dire che ha avuto un successone. Molti di voi mi hanno richiesto maggiori informazioni. La vasca è firmata Dominik Chojnacki, che dopo anni a studiare la fattibilità ha creato questo piccolo gioiello di design e funzionalità. Spacer è l’unica vasca al mondo, che dopo l’utilizzo è possibile far ruotare verso l’alto facendola aderire alla parete, potendo vivere così il proprio bagno in tutta libertà. ll movimento è controllato da un robusto perno, realizzato in acciaio inossidabile e posto alla base della vasca, che, grazie ad un sistema di bloccaggio, garantisce alla vasca da bagno stessa una posizione verticale assolutamente stabile, impedendole di muoversi o abbassarsi anche solo accidentalmente.
Nel momento in cui si desidera utilizzare la vasca è sufficiente sbloccare il perno e riabbassarla, una volta posizionata la vasca in senso orizzontale, sarà sufficiente collegare alla parete un tubo che funge sia da supporto per la vasca che da scarico delle acque. Anche il classico rubinetto è stato ridisegnato e trasformato in una serie di fori inseriti ai lati interni della vasca, sempre con lo scopo di risparmiare spazio e garantire maggiore praticità e comodità durante l’utilizzo. Inoltre, realizzando qualche opportuna modifica, sarà possibile utilizzare questi moderni rubinetti come bocchettoni per l’idromassaggio. Il guscio esterno è fondo nero, decorato con motivi floreali, molto eleganti. Ultima cosa da non trascurare, per installare Spacer bisogna prevedere un impianto di scarico adeguato.

Per informazioni visita il sito Dominik Chojnacki

About Emanuela Carlino

La designer
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

La tua email non verrà resa pubblica. I campi obbligatori sono indicati *

*

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su