Home / Interior design / Condividi una Coca Cola
Condividi una Coca Cola

Condividi una Coca Cola

Lo scorso 7 maggio 2013 è stato l’anniversario della bevanda più famosa al mondo “127 “anni, e per questo evento la Coca cola ha con la nuova campagna pubblicitaria “Condividi una Coca Cola”, cambiato il suo logo. Infatti è stato sostituito da nomi comuni , da nomi generici e detti popolari. L’iniziativa sarà valida tutta l’estate da maggio ad agosto 2013. Periodo per il quale vedremo in giro per l’Italia sulle bottiglie di coca-cola, coca-cola light e coca-cola zero, i 150 nomi propri più diffusi, ma non solo, sulle lattine e sulle bottiglie formato famiglia nomi generici come mamma, zio , prof, e i modi di dire più comuni come Socio, Fenomeno,Vip ecc.Con questa iniziativa la Coca Cola ha voluto ringraziare i propri fan, che in tutti questi anni sono stati i veri protagonisti e artefici  del successo dell’azienda. L’ idea si sviluppa  attorno al concetto molto diffuso  tra i govani, e non di “Condivisione”, che si traduce nella possibilità di poter regalare ad amici e amati una bottiglia di bollicine molto personale. Con oltre 350 milioni di bottiglie e lattine distribuite sul mercato, “Condividi una Coca-Cola” è la prima e più imponente campagna di personalizzazione mai realizzata. Online invece basterà un hastag come #condividiunacocacola e su Twitter e Instagram si potrà partecipare alla campagna condividendo il proprio “momento Coca cola” con i propri follower. Per chi non riuscirà a trovare la bottiglia con il nome desiderato, collegandosi al sito potrà scoprire dove ricevere la lattina personalizzata, grazie alle tappe del tour estivo.

Per informazioni visita il sito cocacola

About Emanuela Carlino

La designer
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

La tua email non verrà resa pubblica. I campi obbligatori sono indicati *

*

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su